Circ. 20/2020

 

Cerro M., 06/11/2020

 

 Alle famiglie

 

Oggetto: possibilità di frequenza in presenza per alunni di II e III sec. I gr. con disabilità/ bes e altri casi particolari  

 

Si rammenta che il recente Dpcm 3/11/2020, in vigore dal 6 novembre e fino al 3 dicembre compreso, prevede fra l’altro quanto segue (art. 3 comma 4 lett. f):  

 

“Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o in ragione di mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”.

 

Nel ribadire ciò, la nota MI 1990 del 5 novembre reca inoltre: 

 

Nell’ambito di specifiche, espresse e motivate richieste, attenzione dovrà essere posta agli alunni figli di personale sanitario (medici, infermieri, OSS, OSA…), direttamente impegnato nel contenimento della pandemia in termini di cura e assistenza ai malati e del personale impiegato presso altri servizi pubblici essenziali, in modo che anche per loro possano essere attivate, anche in ragione dell’età anagrafica, tutte le misure finalizzate alla frequenza della scuola in presenza.

 

Le famiglie che si trovino nelle succitate condizioni sono invitate a informare la scuola entro lunedì 9 novembre corredando la comunicazione con documentazione comprovante tali necessità. 

 

Ai docenti si ricorda che, come specificato in precedente comunicazione, “Sino a diverse indicazioni, le prestazioni verranno erogate in linea generale da scuola, nel rispetto di tutte le procedure e i protocolli di sicurezza. Tuttavia, onde prevenire sovraccarichi di rete e relativi disservizi e ridurre per quanto possibile il crearsi di assembramenti, si prevede che i docenti che abbiano lezione in classi completamente in “ddi” -in relazione alle loro disponibilità tecnologiche e possibilità organizzative-, per quella giornata o per alcune ore possano svolgere il lavoro in modalità “agile”, ferma restando la rendicontazione dell’impegno”. Il che significa che solo i docenti che hanno tutti gli alunni a casa possono prestare servizio dal proprio domicilio, come del resto caldeggiato in altro punto della nota 1990. 

 

Il Dirigente Scolastico

dott. Simone Finotti

 

Skip to content